I.I.S. "LUNARDI"
Lunarfollie

Questo è quanto scriveva il prof. Giuseppe Mattei, fondatore del giornalino, scomparso ormai da qualche anno ma sempre presente nel ricordo di quanti hanno avuto a che fare con lui.

---------------------------------------

“LUNARFOLLIE” IL GIORNALE DEL LUNARDI

Dall'aprile del 1993 viene redatto dagli studenti del nostro Istituto un giornale che è espressione della loro creatività ed è strumento di comunicazione di quanto di volta in volta viene ritenuto rilevante dalla Redazione che ne cura la pubblicazione. Ha, nel periodo scolastico, una frequenza mensile e si avvale sia di alcune rubriche fisse che di interventi occasionali legati a fatti e circostanze che la vita scolastica o la cronaca presentano.

Da alcuni anni il Giornalino è in collegamento con numerose altre pubblicazioni analoghe e la redazione partecipa a un convegno annuale delle testate studentesche.

Il progetto si riferisce alle attività adatte a innalzare il successo degli alunni valorizzandoli nelle loro potenzialità e rendendoli protagonisti sempre più attivi e attenti nella vita della scuola. Tramite la pubblicazione del giornale degli studenti (composto mediamente di 24 pagine) si intende aiutare i ragazzi a star bene a scuola aumentando l'appartenenza all'Istituto, li si aiuta ad essere attenti alla realtà e ad interpretarla, li si equipaggia ai fini della maturità

Non si vuole e non si è mai lavorato da soli. Fare rete con altri Istituti Superiori che fanno la stessa attività, confrontarsi con redazioni di altre città sia per confrontare le esperienze sia per migliorare la comunicazione anche al fine di costruire nuove forme di comunicazione studentesca è impegno costante a cui crediamo. Al riguardo è stato attivato da alcuni anni un giornale studentesco telematico “Metagio’”, consultabile in internet.

Il progetto, che ormai appartiene alla tradizione consolidata della scuola, intende favorire la comunicazione dei ragazzi e tra i ragazzi all'interno dell'Istituto valorizzando la loro creatività, le loro idee e le loro iniziative. Essendo espressione "loro" ne accetta i linguaggi, i giudizi, i punti di vista, le critiche, le provocazioni purché vengano espresse senza offendere le persone e nel contesto di un corretto confronto democratico.

Il lavorare insieme per un obiettivo comune da parte di alunni di età e di classi diverse (sono più di quaranta i partecipanti alla Redazione) favorisce il protagonismo degli studenti, promuove il crescere dell'appartenenza all'Istituto, stimola l'interscambio, promuove la nascita di nuovi interessi e una loro gestione in termini di comunicazione agli altri.

Tra gli obbiettivi che l'autonomia scolastica si pone, centrale è il rapporto con il territorio. La comunicazione tra territorio e scuola è una delle principali sfide che oggi troviamo sul tappeto. La ricerca di strumenti e canali di comunicazione è certamente uno dei modi per contribuire al miglioramento della situazione.

Al Lunardi il giornalino di Istituto esce regolarmente, senza interruzioni, da 17 anni ed è ormai diventato uno strumento interno di comunicazione, dialogo, riflessione, confronto ed espressione della creatività degli studenti.

La redazione, che viene integrata ogni anno, è formata da un nutrito gruppo di studenti (più di trenta) che provvede alla ideazione, redazione, impaginazione, illustrazione e alla distribuzione del giornalino che pertanto viene costruito totalmente all'interno dell'Istituto.

La periodicità è ormai assestata ed è mensile per cui si editano 8/9 numeri (di 24 pagine ciascuno) nel corso dell'anno scolastico.

Fin dall’inizio il coordinatore è il prof. Giuseppe Mattei che ha guidato ormai centinaia di studenti in questa straordinaria avventura

Si intende continuare questa esperienza che permette ai ragazzi, oltre che abituarsi a lavorare in èquipe, a cimentarsi nel mondo dell'informazione, a provare a scrivere un articolo (previsto anche dal nuovo esame di stato) a prendere confidenza con l'informazione telematica tramite la sperimentazione di un giornalino informatizzato che metta in rete le varie redazioni.

Produttivo è anche il confronto con altre realtà e redazioni presenti sul territorio.

La redazione è organizzata come quella di un qualsiasi periodico. Vi è la figura di un direttore, una segreteria di redazione, un responsabile dell'impaginazione e uno per la distribuzione. Vi sono inoltre i responsabili delle varie rubriche che vanno a toccare temi quali la scuola, l'attualità, la musica, lo sport, il cinema, il teatro, l'arte, la poesia, il divertimento. Sempre aperta la collaborazione con altri progetti scolastici quali il teatro, la biblioteca, gli scambi. Ricercata la collaborazione con quanto viene sperimentato nelle singole classi sia all'interno che all'esterno (esperienze didattiche, viaggi, scambi...).

Essendo espressione degli studenti il giornale appartiene prioritariamente a tale componente. L'ideale sarebbe avere in ogni classe un "corrispondente" che trasmette le notizie più rilevanti e/o più interessanti. Più volte abbiamo registrato l'interesse e perfino l'attiva collaborazione dei Genitori. Essendo poi strumento interamente prodotto all'interno dell'Istituto di fatto sono molte le persone coinvolte. L'auspicio è che aumenti il numero dei docenti, oltre che degli studenti, che collabora con la testata.

La tiratura è di 370 copie.

Essendo strumento di comunicazione che usa lo scritto il giornale è costantemente sotto gli occhi di tutti e si presta a critiche, osservazioni, recriminazioni, proteste; che regolarmente avvengono.

La Redazione conduce collegialmente una riunione di verifica ogni settimana.

 

Prof. Giuseppe Mattei

 

---------------------------------------

 

Purtroppo il giornalino, dopo la guida dei proff. Raggi, Toninelli e Galati, negli ultimi due anni, ha subito una piccola battuta d'arresto. Siamo fiduciosi un un prossimo riavvio delle pubblicazioni.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.